Cerca
  • Redazione | Il Pensiero

Double Ontology and the Unemployed God


Autore:

Jana Rošker


Title [Eng]:

Double Ontology and the Unemployed God. Mou Zongsan’s Transformation of Kant’s Intellectual Intuition


Titolo [Ita]:

Doppia ontologia e il Dio disoccupato. La trasformazione di Mou Zongsan dell’intuizione intellettuale di Kant


Data pubblicazione: 2022

Fascicolo: LXI - anno: 2022/1 - pp. 13-34

Lingua: Inglese.

DOI: 10.1400/288149


Abstract [Ita]

Il presente articolo tratta di una trasformazione cinese della metafisica della morale di Kant. Esso analizza la visione di intuizione intellettuale di Mou Zongsan, che è, nel suo sistema, non semplicemente una forma di coscienza divina puramente trascendente ed esterna, ma anche un tratto umano e un possesso. L’articolo rivela la struttura – e le conseguenze – di questa trasformazione, che è basata sulla concezione della cosiddetta “doppia ontologia” di Mou. Si inizia introducendo i processi di accoglienza di Kant in Cina, evidenziando le ragioni dell’immenso interesse mostrato dagli studiosi cinesi per la filosofia di Kant, in special modo per la sua etica. L’articolo si concentra sulle interpretazioni di questa filosofia elaborata dai rappresentanti del movimento del confucianesimo moderno del XX secolo, ponendo l’opera di Mou nel contesto di questo revival del confucianesimo e rivelando anche alcuni elementi buddisti che gli hanno consentito di costruire l’intuizione intellettuale come punto cruciale che lega l’ontologia noumenica a quella fenomenica.


Parole chiave: intuizione intellettuale, Mou Zongsan, Immanuel Kant, confucianesimo moderno, doppia ontologia.


Abstract [Eng]

The present article deals with a Chinese transformation of Kant’s metaphysics of morality. It analyses Mou Zongsan’s view on intellectual intuition, which is, in his system, not merely a form of purely transcendent and external divine consciousness, but also a human trait and possession. The article reveals the structure – and the consequences – of this transformation, which is based upon Mou’s concept of the so-called double ontology. It opens by introducing the processes of Kant’s reception in China and illuminating the reasons for the immense interest showed by Chinese scholars in Kant’s philosophy, especially his ethics. It focuses on the interpretations of this philosophy elaborated by the representatives of the 20th-century Modern Confucian movement and places Mou’s work into the context of this Confucian revival, but also reveals some Buddhist elements that enabled him to construct intellectual intuition as a crucial point connecting the noumenal and phenomenal ontology.


Keywords: intellectual intuition, Mou Zongsan, Immanuel Kant, Modern Confucianism, double ontology.


 

Questo articolo può essere acquistato su Torrossa

http://digital.casalini.it/10.1400/288149