Cerca
  • Redazione | Il Pensiero

Wittgenstein e la metafisica della prima persona


Autore:

Nicola Gianola


Titolo [Ita]:

Wittgenstein e la metafisica della prima persona


Title [Eng]:

Wittgenstein and the Metaphysics of the First Person


Data pubblicazione: 2022

Fascicolo: LX - anno: 2021/2 - pp. 67-84

Lingua: Italiano.

DOI: 10.1400/287799


Abstract [Ita]

L’obiettivo del presente contributo consiste nel presentare le soluzioni che, dalla sua prospettiva filosofica, Wittgenstein offre al problema del rapporto tra la soggettività e il mondo nel corso dello sviluppo del suo pensiero, al fine di dimostrare come, al netto di rilevanti differenze – di metodo e di contenuto – tra il proverbiale “primo” e “secondo” Wittgenstein, sia possibile rintracciare nell’arco della sua intera produzione una persistente e ferrata critica alla concezione filosofica della soggettività inaugurata dal cogito cartesiano, e che da esso ha troneggiato come paradigma di riferimento per lo sviluppo della filosofia, finendo per influenzare profondamente anche l’andamento della filosofia contemporanea (Kant, Hegel, Schopenhauer, Husserl); paradigma, quello in questione, che si potrebbe chiamare, per utilizzare una felice espressione di Luigi Perissinotto, «metafisica della prima persona».


Parole chiave: Wittgenstein, soggettività, solipsismo, prima persona, esperienza.


Abstract [Eng]

The aim of this paper is to present the solutions that Wittgenstein offers to the problem of the relationship between subjectivity and the world in the course of the development of his thought, from his philosophical perspective. This in order to demonstrate how, in spite of relevant differences – of method and content – between the proverbial “first” and “second” Wittgenstein, it is possible to trace, in the time span of his entire production, a persistent and firm criticism of the philosophical conception of subjectivity inaugurated by the Cartesian cogito, which has towered as a paradigm of reference for the development of philosophy, ending up by deeply influencing also the course of contemporary philosophy (Kant, Hegel, Schopenhauer, Husserl); paradigm, the one in question, which could be called, to use a happy expression of Luigi Perissinotto, «metaphysics of the first person».


Keywords: Wittgenstein, subjectivity, solipsism, first person, experience.


 

Questo articolo può essere acquistato su Torrossa

http://digital.casalini.it/10.1400/287799