Cerca
  • Redazione | Il Pensiero

Dal rito alla tragedia: lo strappo originario e l'invenzione del teatro


Autore:

Monica Centanni


Titolo [Ita]:

Dal rito alla tragedia: lo strappo originario e l'invenzione del teatro

Title [Eng]:

From ritual to tragedy: the original tear and the invention of the theatre


Data pubblicazione: 2019

Fascicolo: LVIII - anno: 2019/1 - pp. 59-74

Lingua: Italiano.

DOI: 10.1400/270729


Abstract [Ita]

La vulgata secondo la quale le origini del teatro tragico sarebbero da collegare ai rituali dionisiaci è pervasiva e, di fatto, indiscussa. L’idea trova conforto nella lettura (non sempre attenta) di una serie di fonti latine e greche, e nelle analogie che sarebbero riscontrabili fra le varie espressioni performative a diverse latitudini geografiche, cronologiche e culturali. Questo nucleo di pensiero, che si presenta insieme come totalitario nella sua assertività ma debolissimo nella sua articolazione logica interna, è da processare su più fronti.

L’ipotesi che costituisce lo scheletro argomentativo di questo saggio è che il teatro sia un’invenzione propriamente greca, databile con precisione in Atene tra il VI e il V secolo a.C., che non nasce dalla continuità con i rituali dionisiaci, ma ha origine invece da uno strappo, teoreticamente decisivo, dalla dimensione religiosa del rito. A sostegno di questa ipotesi, si propone la lettura di una serie di fonti antiche (dall’età ellenistica al bizantino Lessico Suda) che non sempre sono state considerate con la dovuta attenzione e analizzate con affilata intenzione ermeneutica.


Abstract [Eng]

Connecting the origins of tragic theatre to Dionysian rituals is a ruling and undisputed vulgata. The idea is supported by the (not always careful) reading of a series of Latin and Greek sources, and in analogies that would be found among the various performative expressions at different geographical, chronological, and cultural latitudes. The core of this thought – which presents itself as totalitarian in its assertiveness, but is very weak in its internal logical articulation – is to be discussed and confuted from different standpoints.

The hypothesis that constitutes the argumentative skeleton of this essay is that the theatre is a properly Greek invention – placed with precision in Athens between the sixth and fifth centuries BC – that does not arise from a continuity with Dionysian rituals, but rather originates from a theoretically decisive break from the religious dimension of the rite. In support of this hypothesis, the essay proposes a new analysis of a series of ancient sources (from the Hellenistic age to the Byzantine Suda Lexicon) that have not always been considered with due attention or analysed with sharp hermeneutical intention.


Questo articolo può essere acquistato su Torrossa

http://digital.casalini.it/10.1400/270729

© 2020 by Inschibboleth edizioni - Roma

 

info@inschibbolethedizioni.com

ilpensiero@inschibbolethedizioni.com

  • w-facebook
  • Twitter Clean
  • White YouTube Icon